Passa ai contenuti principali


NON MI DEFINISCO

Non mi definisco
non ho bisogno di definirmi
non voglio che mi definiscano
sono quello che sono
per chi mi conosce
quel che sarò
per chi non mi conosce
e vorrà conoscermi
definirsi significa orientarsi
ma soprattutto orientare
io vorrei continuare
a sorpendermi di me
ancora sorprendere te.

Karl Esse



 
L'immagine che mi ritrae è opera di Gianfranco Mancini


Commenti

Post popolari in questo blog

Amedeo Anelli " Contrapunctus VIII - Negli occhi di mia madre" Voce: Sergio Carlacchiani

Alda Merini  - UNA VOLTA SOGNAI  - Voce: Karl Esse



Alda Merini - UNA VOLTA SOGNAI
Una volta sognai di essere una tartaruga gigante con scheletro d'avorio che trascinava bimbi e piccini e alghe e rifiuti e fiori e tutti si aggrappavano a me, sulla mia scorza dura. Ero una tartaruga che barcollava sotto il peso dell'amore molto lenta a capire e svelta a benedire. Così, figli miei, una volta vi hanno buttato nell'acqua e voi vi siete aggrappati al mio guscio e io vi ho portati in salvo perché questa testuggine marina è la terra che vi salva dalla morte dell'acqua. Alda Merini  scrisse questa stupenda poesia alla vigilia dell'inaugurazione il 26 giugno 2008 della Porta d'Europa a Lampedusa e fu letta durante la cerimonia...La "Porta di Lampedusa  detta appunto Porta d'Europa"  è un monumento dedicato ai migranti che, affrontando interminabili avversità,giungono nell'isola siciliana alla ricerca di una nuova e più dignitosa esistenza... 

Leg…
Ernesto Guevara de la Serna " Spogliati " Lettura di Sergio Carlacchiani