Passa ai contenuti principali





ALLA MIA POESIA PIACE ESSERE FUGA DI VIA

La mia poesia si guarda intorno
cerca di sentire su di sé
di raccontare la verità assediante
che dicono non si veda
suscita perlopiù diffidenza
l'apparenza sempre inganna
esternizza semplifica volgarizza
la mia poesia si preoccupa
usa parole forti che dipinge
non sorride quasi mai
spesso si compiace
si sostenta di superficie
scava caverne di silenzio
spelonche dove vivere
se ne frega spesso
dell' ingombrante io
del risultare triste perlopiù
se piove non è un ombrello
non è concepita per ripare
non lo ritiene necessario
il sospiro di sollievo?
Sì a volte lo fa anche tirare
non crede ai miracoli tuttavia
nonostante sia come si sente
predilige non essere poesia
quella colta dei sapienti
piace essere contraria
fuga di via.

Karl Esse




ALLA MIA POESIA PIACE ESSERE FUGA DI VIA - Testo e voce di Karl Esse



Commenti

Post popolari in questo blog

Uno dei sonetti più belli ...

          Come posso ritrovare la mia pace (Sonetto 28) di W. Shakespeare - Voce di Karl Esse


BEI DAO - Tante lingue parlano - Voce di Karl Esse


Nato a Macerata nel 1959, Sergio Carlacchiani ( pseudonimi:Karl Esse - Sergio Pitti) è performer, attore, doppiatore, poeta e pittore. Direttore artistico di varie rassegne teatrali :Donna/Modello, Poeti e Poesie da Decl/Amare, Live Poetry, Vita Vita e Poesia in Vita. Si è occupato di poesia lineare, visiva, concreta, sonora, di mail art e performance art. Ha scritto diversi libri di poesia e creato libri/oggetto. Si è esibito come performer in Italia, Francia, Inghilterra Spagna e Austria. Si è formato in seguito, come attore, presso la scuola del Minimo Teatro di Macerata. Ha seguito diversi corsi di perfezionamento e specializzazione, tra i quali ricordiamo quelli con: Eugenio Barba, Franco Ruffini, Riccardo Cucciolla, Cora Herrendorf, Tony Cotz, Giuliano Scabia, Lucia Poli, Rebecca Murgi, Eugenio Sideri, Sergio Scarlatella. Ha conseguito il diploma di impostazione ed uso della voce e tecnica del doppiaggio cinematografico, sotto …
Omaggio a una delle poetesse che amo di più.