Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016
Che qualcuno da lassù scenda a portare conforto e speranza, a tutte le persone che soffrono, in particolare a chi ha dovuto subire la perdita delle persone care, a causa del sisma che ha profondamente ferito la nostra terra, i nostri cuori, la nostra vita.


Questo dipinto è una mia opera, purtroppo preveggente, datata 2012 ...  Questa figura divina che passa tra le macerie di una città distrutta...
Come labbra di donna che sanno amare - Pier Marino Simonetti - Interpreta: Sergio Carlacchiani
https://youtu.be/FacLxlKVmKo

O SPERPERANO DECINE DI MIGLIAIA DI EURO PER INVITARE LE SOLITE FACCIE DI BRONZO DI RICHIAMO, TELEVISIVE E CINEMATOGRAFICHE, O INVITANO AD ESIBIRSI GRATIS, IL POMODORO DI TURNO, IL DOPOLAVORISTA, IL PRATICANTE, L' HOBBISTA, IL SIGNOR NESSUNO...
MANCATE DI SENSIBILITÀ, DI RISPETTO, VERGOGNAAAAAAAAAA!!!
Ora che lo scivolone, già compiuto da tanti e specchio di una politica ignorante e approssimativa, ha visto protagonista la tanto vituperata da ogni dove Virginia Raggi, forse, dico forse, si accenderà un faretto sul mestiere che è ben altro dell' improvvisazione. Gli artisti si pagano, gli artisti hanno fatto una scelta di vita, sacrifici, studio, come tutti gli altri lavoratori. Anche questo è non rispetto del lavoro, anche questo è sfregio al tanto amato articolo 1..." L'Italia è una repubblica, democratica, fondata sul lavoro" PAOLA GIORGI
RIDICOLI! Il comune modifica il bando per la Festa di Roma di Capodanno. Vi prego di leggerlo e di confrontarlo con il precede…
Sergej Esenin si fa in tre per Sergio Carlacchiani
I poveri in chiesa - Arthur Rimbaud - interprete: Sergio Carlacchiani 
Apocalipse Now - Monologo del colonnello Kurtz - interprete: Sergio Carlacchiani


I poveri in chiesaLes pauvres à l'église
Relegati fra banchi di quercia, agli angoli della chiesa
Che il loro fiato puzzolente intiepidisce, gli occhi
Rivolti al coro sfavillante e alla cantoria
Di venti gole sgolanti inni sacri;

Fiutando l'odore della cera come profumo di pane,
Felici, umiliati come cani bastonati,
I Poveri al buon Dio, padrone e sire,
Offrono i loro oremus ridicoli e testardi.

Per le donne è proprio bello lucidare i banchi
Dopo i sei giorni neri in cui Dio le fa soffrire!
E cullano, avvolti in strane pellicce,
Delle specie di bambini che piangono da morire.

Coi seni sporchi di fuori, queste mangiaminestre,
Una preghiera negli occhi senza pregare mai,
Guardano malignamente sfilare un gruppo
Di ragazzine coi loro cappelli deformi.

Fuori, il freddo, la fame, l'uomo in baldoria:
È bello. Ancora un'ora; e poi, mali senza nome!
- Intanto, tutt'attorno, geme, grugnisce, bisbiglia
Una collezio…
1653, Camera dei Comuni, discorso di Oliver Cromwell – Interprete: Sergio Carlacchiani



Er presepio - Trilussa - Interpreta: Sergio Carlacchiani



I poveri in chiesa - Arthur Rimbaud - interprete: Sergio Carlacchiani

P.P. Pasolini "Affabulazione – finale " - interprete: Sergio Carlacchiani

SERGIO SOLMI " SE PUR FATICHE E SOGNI " Interprete: Sergio Carlacchiani



Henry Miller,- da Sexus” Tutto, ormai, è organizzato…” interprete: Sergio Carlacchiani 

Jean Toomer ” Le sue labbra sono fil di rame “ interprete: Sergio Carlacchiani 


L' albero di Natale - Testo e interpretazione di Sergio Carlacchiani


L' albero di Natale
Ho fatto nel cielo l'albero di natale
ci ho appeso le stelle luminescenti i sogni e le speranze i desideri e le preghiere la stella divina dall’alto indica la strada una nuova terra promessa : insieme nella pace e nell’amore una scommessa di cuore contro la guerra la neve cade immacolata una serenata d' uccelli si spande effonde il sole il suo sorriso scendono dal viso lacrime meste per chi è solo e triste per i nostri cari lassù che dalle finestre del paradiso invocano per noi la parola la benedizione divina: “ Sia ogni mattina e per sempre pace e amore all’umanità nella vita sulla terra pegno per l’eternità”.
Sergio Carlacchiani

Mentre l'anima dell' uomo
a fatica s'accolla la vita
gongola la luna
sdraiata sull'aurora.

Karl Esse

La foto è opera di Sergio Carlacchiani,
scattata dalla finestra del suo studio


RE MAGIO MALVAGIO...
Da, LO SGUARDO DAL BASSO (Dietrich Bonhoeffer) - Interprete: Sergio Carlacchiani


Giuseppe Gioachino Belli - La viggija de Natale - II°versione- Interprete: Sergio Carlacchiani


Auguri scomodi - di don Tonino Bello - Interprete: Sergio Carlacchiani

C'è sempre tempo per voler Bene ...



Carmelo Bene, da"Otello o la deficienza della donna - Donna che bella..." Voce: Sergio Carlacchiani 





Letterina di Natale

Per cominciare voglio
finire con il lasciare accantonata
dimenticata in un angolo
la tristezza invadente
godermi sul viso
questa carezza natalizia
delizia del cuore innocente
e vivere in pace nell' illusione
prima che torni la cocente delusione
indifferente al dolore
voglio abbracciare il mondo
amare il Tuo amore
godere di questa vita divina
che sta per nascere nuovamante
per noi gente che in Te
vorremo vivere e confidare
spalancare le grandi ali e volare sulla terra
nell' azzurro infinito costellato d' eterna gioia
che hai edificato per noi
Padre grande
Padre buono
la mia letterina è una preghiera
è con essa che ti chiedo perdono.


Sergio Carlacchiani


Grazie, Papa Francesco....

C'era una volta in America, monologo Deborah -Interprete: Sergio Carlacchiani


Alla bambina di Aleppo
Scrivi sul banco di scuola
aperta alla luce
con le dita
sporche di sangue e fumo
sulla polvere che tutto avvolge
il nome della tua mamma
della tua città
che non ci sono più
l' angelo custode la legge
scrive sulla lavagna:
"torna a giocare
gli uomini cattivi
se ne sono andati
io sono con te."

Sergio Carlacchiani

Alla bambina di Aleppo

Scrivi sul banco di scuola
aperta alla luce
con le dita
sporche di sangue e fumo
sulla polvere che tutto avvolge
il nome della tua mamma
della tua città
che non ci sono più
l' angelo custode la legge
scrive sulla lavagna:
"torna a giocare
gli uomini cattivi
se ne sono andati
io sono con te."

Sergio Carlacchiani


La caduta
Precipita vorticosamente
Proteggendo le ali.
Pende una croce sulla sua testa
L'angelo scelto per aprire gli occhi
è il demone che ha toccato il fondo,
conosciuto il fango:
Lucifero
che porta la luce ma non illumina
il divino steso a terra
Spirito dell'oscurità.
La verità è che il figlio dell'aurora
spazza via paura e ignoranza
È la nostra mente
che riflette e tenta
indaga e redime
maschera e scopre.
Ho davanti l'altra faccia della medaglia di dio
Selvaggia Cecarini Arca

Il dipinto è opera di Sergio Carlacchiani 


LAMENTO DEL MERCANTE D'ARMI - STEFANO BENNI – Interprete : Sergio Carlacchiani



Gli occhi vedono solo ciò che è limitato... -Il gabbiano Jonathan L. Di R.Bach, voce: S.Carlacchiani 
I suoi genitori erano afflitti a vederlo... - Il gabbiano Jonathan L. Di R.Bach, voce: S.Carlacchiani 
Liberamente tratto da " Il gabbiano J. Livingston" di R. Bach Voce:S Carlacchiani



" Si getta dal viadotto dell’autostrada, morta la violinista..." Legge: Sergio Carlacchiani


Di notte ti svegli ti vesti ti privi saccheggi il vuoto solfeggi sonnambula la luna ti chiama rimuovi i passi priva d'indugi cassi le orme fiera possente leggera eterea nuvola silenzio ti fai minuta impalpabile ombra lacuna evanescente sottil mente tarlo ricordo squarcio indelebile ferita sangue rovente condanna eterna vana femminile innocente vanità cipria smalto rossetto
Dal film  La 25° ora di Spike Lee" Prova d'attore per Sergio Carlacchiani

Tratto da:  Aleksandr Isaevič Solženicyn, Vivere senza vergogna - Interprete: Sergio Carlacchiani
(Se la musica è la donna amata) di Mario Luzi - Interprete: Sergio Carlacchiani


AMICA SEI ORMAI - Testo e interpretazione di Sergio Carlacchiani


Biglietto lasciato prima di non andare via di Giorgio Caproni - Interprete: Sergio Carlacchiani


L’albero di dolore scuote i rami… di Mario Luzi. Interprete: Sergio Carlacchiani


21.31
L'odio è una condanna senza sbarre
che rode dall'interno e insinua tarli nelle vene.
Colpisce e respinge tornando indietro con violenza.
Va a patti col diavolo vomitando vendetta e coprendo di invettive i fantasmi allo specchio.
L'odio è un veleno distillato con pazienza
che scrosta i muri
e arrotonda i sassi
È una rosa viola
che profuma e seduce
ma il suo fascino è mortale
Selvaggia Cecarini Arca
Autoritratto di un dipinto di Sergio Carlacchiani

Emily Dickinson " Restai insaziata tutti i miei anni " - Interprete: Sergio Carlacchiani



Le lumachine hanno le antenne 

Luminescenze
Incontri di anime ritrovate
Il bacio la sa lunga
Ha il sapore di casa senza pareti
di una familiarità senza attese
di brividi senza pelle.
È il racconto di un'emozione
ancestrale
del primo odore buono
del senso di un abbraccio
di una coperta calda
che non scopre i piedi.
Il rito serale rassicurante
che lascia andare le difese prima del buio
Lo sguardo e l'attesa con il cuore in gola.

Selvaggia Cecarini Arca 2014
Commento al dipinto di Sergio Carlacchiani

Ho sentito un lamento sotto i cipressi – Nazim Hikmet - Interprete: Sergio Carlacchiani


William Butler Yeats - No Second Troy - Sergio Carlacchiani


" Per non vederci più " Testo e interpretazione di Sergio Carlacchiani 


PER NON VEDERCI PIÙ
Mi sentii prendere la mano
Era quasi mattino di stelle
La appoggisti sul petto
Ti batteva forte il cuore
Non sapevo se in sogno
Non sapevo che fare
Strinsi il seno
Quasi a farti male
Come in agonia
Facemmo l’amore
L’ultima crudeltà
Prima di andare
Stravolti
Delusi
Disturbati
Senza più stelle
Senza futuro
Brancicando nel buio
Nuovi letti e mattini
Per non vederci più.
Sergio Carlacchiani
Sergio Carlacchiani interpreta " La genovese " Canti Orfici di Dino Campana

Dai Canti Orfici di Dino Campana " Ritorno. Nella stanza dove..." Interprete: Sergio Carlacchiani




P.P.Pasolini. Da: “La Guinea - L\’intelligenza non avrà mai peso ” Interprete: Sergio Carlacchiani 
Immagina che le stelle cadano in frantumi - di Yone Noguchi - Interpreta: Sergio Carlacchiani


                     Per chi ama come me, dal cuore, visceralmente sino all' anima, la VITA!


       LIBRO PRIMO MAIA Laus vitae - Canto alla vita " Interprete: Sergio Carlacchiani


Mariangela Gualtieri “Sento il tuo disordine e lo comparo al mio” Interpreta: Sergio Carlacchiani

A PUNTI DI VITA . Testo e voce di Sergio Carlacchiani

Stanco di morire m'attardo alla vita - Testo e voce di Sergio Carlacchiani 
Chissà se mai verrà un tempo - Testo e voce di Sergio Carlacchiani
Lungo il via vai delle idiosincrasie - Testo e voce di Sergio Carlacchiani

Sergio Carlacchiani interpreta La Divina Commedia" Purgatorio, frammento dal Canto VI"



Da «Il canto dell’usignolo» di Gotthold Ephraim Lessing -  Interpreta: Sergio Carlacchiani


Paolo Silenziario – Canto a Filinna  -  Interpreta: Sergio Carlacchiani
In riva alla vita di Antonia Pozzi - Interpreta: Sergio Carlacchiani

Franz Kafka, Lettere a Milena " E' già tanto tempo che non le scrivo..." Voce: Sergio Carlacchiani

José Saramago , da “ CECITÀ “ - Interpreta: Sergio Carlacchiani 

Sergio Carlacchiani interpreta " STILE " di Bukowsi, tratto dal film "Storie di ordinaria follia"

“ Io sobbalzo “ - Osip Mandel’štam - Interpreta: Sergio Carlacchiani

FIGLIO, DOVE SEI?
Perchè ogni giorno
ogni notte
ogni sonno
ha il suo orologio
fermo su quell' istante?
Quando sulla porta
ci lasciammo con un abbraccio
che voleva essere forte
fu fremente invece
travagliato
penoso
adorabile
amabile
doloroso
disgraziato
buono
triste
contrario
amaro
bruciante
scostante
distante
dolce
scosso ancora
da chissà quale paura...
Figlio dove sei?
che fai?
Sei qui
incorporeo
intangibile
inviolabile
ovunque
nient' altro
che pesante polvere
sei respiro
lo togli
raffica
sbuffo di vento
entri ed esci da l'uscio
riempi
urti
svuoti la casa
te ne andrai
per sempre
te ne vai
te ne sei andato
già...
per mancanza d'aria
in direzione contraria.
Sergio Carlacchiani
“ Poesia, mio amore…” - Testo e interpretazione di Sergio Carlacchiani


Poesia
mio amore
aiutami a dimenticare
non voglio ricordare altro che te
di questo consorzio d'inciviltà
nulla mi appartiene
il cuore alieno vaga
l'anima è in tempesta
batte la testa
il pensiero
sul muro di pietra
vita contro vita
crudele
straniera
che non ascolta
corre e va
da nessuna parte
senza alcun dubbio
non sente più.

Sergio Carlacchiani
https://youtu.be/c95FUNT5cAE
«Tu sei per me una creatura triste» C.Pavese - Voce: Sergio Carlacchiani- Piano: Luigi Ferrara