Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2015
Gabriel García Marquez " La marionetta " Interpreta: Sergio Carlacchiani


Io con il maestro e caro amico, Lorenzo Di Bella , prima del nostro spettacolo, già la luce dell'ispirazione lo stava travolgendo ...




Con l'amico Vincenzo Cerami, prima dello spettacolo ...
Io ero apparentemente calmo ma un po' mosso, lui , proprio agitato! Si parlava di teatro, di scrittura, del grande Pasolini ma purtroppo scivolammo sulla politica...




Non ricordo a quale spettacolo si riferisse questa foto, e non so nemmeno chi l'abbia scattata, come ho già detto più volte, la mia memoria fa acqua da tutte le parti... Comunque particolare, non credete?









Poesia tratta da " Un mondo diVerso "

Siamo artisti indifesi
Siamo soli e incompresi?
La vera arte
Ama la compagnia della solitudine
La solitudine ama l'arte
Lasciateci amoreggiare
Teneteci in disparte
Siamo infelici così
Forse senza una ragione ...
Voi
Proprio voi
Ci chiedete perché?
Au revoir
Adieu!

Sergio Carlacchiani
Uno dei mie ultimi dipinti risalente a circa due anni fa ...





Buon compleanno Hikmet!





“Alla vita” - Nazim Hikmet - Interpreta: Sergio Carlacchiani

Da " POESIE RITROVATE ... "



I figli


Non si possono più tenere in casa
Da adulti
Non si riconoscono simili...
Sospettosi
Freddi
Lo sguardo della belva...
Pronti a scappare
prediligono attaccare
Graffiano
Feriscono
Azzannano per paura...
I figli sanno dove colpire
Ti stringono
Ti soffocano
Ti dissanguano...
Giocheranno sino alla fine
Con i nostri resti
Credendoci ancora vivi...

Sergio Carlacchiani                                                       


" Ecco raffigurato come e quanto si può voler bene a Giacomo Leopardi se lo si "sente " nel cuore, sin dentro l'anima, così .... "

Sergio Carlacchiani



Sempre a proposito del poeta Attilio Bertolucci di cui oggi ricorre il giorno della sua nascita, Silvia Sereni scrive:
" La sua poesia era fatta di rose, di erba, di acqua, di farfalle, di nuvole, ma era poesia, quindi era fatta anche di ombra, di dolore, di solitudine, di paure. Di cos’altro parla la poesia se non della vita, che lui definiva come corsa che dura da quando siamo nati, e, quindi, della morte, dato che quella corsa arriva, inevitabilmente, a uno stop?"






                             Attilio Bertolucci " Al fratello " Interprete: Sergio Carlacchiani
Un bel ricordo di Silvia Sereni di un grande poeta , Attilio Bertolucci che il 18 novembre 1911, nasceva a Parma; in fondo, una mia declamazione a lui dedicata.

Cappello spostato tutto indietro in modo da lasciare libera la fronte, sorriso aperto, comode giacche pied de poule di buona fattura, Attilio Bertolucci, con la sua aria da gentiluomo di campagna, sembrava il prototipo del borghese tranquilllo, sereno, senza smanie. E così era, da un certo punto vista. Il suo posto era a un tavolo di antica osteria di campagna, all’ombra tremolante di un bersò, oppure in un parco parmigiano, con il soprabito slacciato, o su un sentiero di domestica campagna. Pur essendo, a un certo punto della sua vita, diventato romano, era uomo di spazi aperti, di viottoli erbosi, di aiuole fiorite da guardare dalla finestra di casa. Faceva venire in mente un quadro di Renoir, con la luce che si riflette sui volti, con quel sentore d’aria pulita che permea le atmosfere plein air.
In una di qu…
Questa è la pubblicità che amo...

Maurizio Boldrini amico e maestro!


Dopo aver ascolato ieri solo la tua voce, oggi ti elevo questo estremo saluto, la mia preghiera in ginocchio, Nando Gazzolo, maestro come pochi, sperando di farti cosa gradita ...



PRIMO LEVI " La bambina di Pompei " Interpreta SERGIO CARLACCHIANI





SERGIO CARLACCHIANI Cenni biografici
Nato a Macerata nel 1959, Sergio Carlacchiani è attore, regista, doppiatore, poeta, performer e pittore.Direttore artistico di varie rassegne teatrali tra cui ricordiamo:Donna/Modello, Poeti e Poesie da Decl/Amare, Live Poetry, Vita Vita e Poesia in Vita. Si è occupato di poesia lineare, visiva, concreta, sonora e di mail art. Ha scritto diversi libri di poesia e creato libri/oggetto. Si è esibito come performer in Italia, Francia, Inghilterra Spagna e Austria. Si è formato in seguito, come attore, presso la scuola del Minimo Teatro di Macerata. Ha seguito diversi corsi di perfezionamento e specializzazione, tra i quali ricordiamo quelli con: Eugenio Barba, Franco Ruffini, Riccardo Cucciolla, Cora Herrendorf, Tony Cotz, Giuliano Scabia, Lucia Poli, Rebecca Murgi, Eugenio Sideri, Sergio Scarlatella. Ha conseguito a Roma il diploma di impostazione ed uso della voce e tecnic…
Da " Collezione Autunno/Inverno 2015 "

Accidenti all'accidentale occidentale apocalisse!

Disse ...


Piangi piangi
Sulla tua calda culla
Per un brutto sogno
O per nulla
Bambino
A te che fai il cretino
Maggiorenne indenne
E a te che fai il fico
A te che te la ridi
A te che fai la smorfiosa
Dico
Presto privi d'ogni cosa
Ci istalleremo ovunque
Per le strade
Sotto i ponti
Dalle stalle vedremo le stelle
Insieme ai porci
Torneremo a mangiare la merda
O ci appenderanno alla corda.

Sergio Carlacchiani

Ecco a cosa penso, per esempio,  quando penso alla poesia, non alla mia ...
Certo però la voce che la declama non mi dispiace...



Tratto da " PERCÒSSI DAL CUORE, PER/CÓRSI D'ANIME "
Di e con: Sergio Carlacchiani (testo ) e Gianfranco Mancini (foto)




Nello stato d'ibernazione in cui vivo
Anche le lacrime sono di ghiaccio
Mi taccio
Accuso
I miei occhi vitrei
Fissi
Sulla distante società
Sul caos indistinto delle religioni
Prepotente
Malvagio
Sulla sua immoralità...

Sergio Carlacchiani
Leonardo Sinisgalli " Son queste le nostre speranze ". Interprete: Sergio Carlacchiani 



Tratto da " PERCÒSSI DAL CUORE, PER/CÓRSI D'ANIME "
Di e con: Sergio Carlacchiani (testo e dipinto) e Gianfranco Mancini (foto)





Tutta notte ha continuato
A nevicare silenzio sui miei occhi
Sulle mie orecchie sveglie
Bianco candore ...
Accoglierò il rumore
Dei primi raggi del sole
Senza paura che mi facciano male
La nebbia stenderà la sua coltre
Mi proteggerà
Se il motorino del vicino
Griderà la rabbia del ragazzino
Ch'è chiamato a scuola.

Sergio Carlacchiani
Dopo tanto silenzio, ho avuto piacere di riascoltare la mia voce, la voce della poesia... Voi avevate nostalgia?




Da Collezione Autunno/Inverno 2015

Dopo la luna e le stelle
Tra poco
Appena truccato dalla nebbia
Il sole entrerà in scena
Dopo miliardi di anni
Sì emoziona ancora
Come al suo debutto
Grande è l'attesa su di lui
Il pubblico
Come sempre ha riempito
Il teatro dell' universo
Il regno vegetale e quello animale
Sì sono accaparrati i primi posti
Tutto è pronto
Eccolo
Imponente!
Ultimamente
Ci sta abituando bene
Speriamo non deluda...
Che la sua performance sia brillante!
In realtà basta sia decente
A Novembre è così strano
Dopo le fatiche dell'Estate
Stanco
Ombroso
Con il passare degli anni
Lo è sempre di più
Sarà che è il mese dei morti
Mah ...
In bocca al lupo!

Sergio Carlacchiani
Sono andato a " pescare " questa MARINA tra i miei dipinti che vanno dal 1980 al 1995, per inserirla con altri di quell'epoca, sul capitolo ARTE; sinceramente, nonostante si sia un po' sbiadito, devo dire che mi è piaciuto molto, a voi piace?





Questo è un mio dipinto del 1997, eseguito su cartone spesso, 100 x 70 cm , a tecnica mista con colori acrilici; ha avuto un enorme consenso tra i miei amici di Fb, sinceramente inaspettato...



Tratto da " PERCÒSSI DAL CUORE, PER/CÓRSI D'ANIME "
Di e con: Sergio Carlacchiani (testo) e Gianfranco Mancini (foto)

APPARIZIONE...

Eccoti
Finalmente
Soltanto per me
E questi due gatti
Che amoreggiano
E non si curano di te
Perché di notte?
Ti vergogni forse?
Non ti senti a posto con la coscienza?
Non avrai riverenza da me
Solo insulti
Quelli che meriti
Poi se resisterai
Se ascolterai
Scenderò dal letto
Mi metterò in ginocchio
E pregandoti
Chiederò scusa
Della mia disperazione ...
Sono soltanto
L'essere più debole del creato
Perché consapevole
Dei miei e dei tuoi misfatti
Vago in solitudine
Con il cuore infranto
Invisibile fuori
Il suo pianto
Unico baluardo
Contro i rumori del nulla
Contro la pazzia
La via è la solita
La più faticosa
La più accidentata ...

SPARIZIONE

Accidenti a te
Che per primo
Con mia madre
Mi parlasti d'amore...

Sergio Carlacchiani
Parte III°

Cosa resta dell'attesa?
Questo sorriso vero
Duro muro
Di chi sa che l'illusione
Sarà ancora
Ingannevole festa
Dolce e amara compagna
Nell'avvenire che resta...

Sergio Carlacchiani
Ricordando  Pier Paolo Pasolini, il giorno dopo la ricorrenza della sua morte...




                                             " Io muoio e anche questo mi nuoce... "
                                                               Pier Paolo Pasolini




Buonanotte , cara Alda, i tuoi sogni sono già celesti e dorati ma sono certo che questo filmato che t'invio, come ultimo saluto di arrivederci, ti farà ricordare con piacere le nostre belle serate ... 


Il privilegio di esserti amico folle ... Oggi è il giorno della tua dipartita, non a caso si celebrano tutti i SANTI... Questa volta voglio rendere pubblici i miei ricordi, mi manchi tanto, ci manchi tanto ...






 Nel 2000 l’intensa amicizia e collaborazione che Carlacchiani ha con Alda Merini sfocia in un libro/cartella dedicato a Vanni Scheiwiller, di enorme pregio, stampato dalla Tipografia Fioroni di Casette d’Ete - Sant’ Elpidio a Mare (FM),  in trecento esemplari , numerati e firmati dai due autori, contenenti sei aforismi e tre poesie inedite, scritte dalla celebre poetessa, più sei disegni realizzati a carboncino dall’artista marchigiano.
" Alla cara Alda Merini  i miei DiSEGNI piacevano a tal punto che ogni volta che andavo a fargli visita nella sua casa di Milano sui navigli voleva sempre che gliene portarsi qualcuno in dono. Mi diceva : “ sa Carlacchiani, io e lei prima o poi faremo un bel libro …” . Ero a casa della poetessa, quel giorno avevamo parlato per ore del brav…