Passa ai contenuti principali





PENSIERI SEPOLCRALI

Di una brusca
inaspettata
fottuta lite
cosa resta?
Questo scuro
ornamento al viso
cordoglio funereo
pianto e accoramento
confusione
afflizione
abbattimento
disillusione
inquietudine
mestizia
sepolcrale.

Karl Esse


 PENSIERI SEPOLCRALI - Testo e voce di Sergio Carlacchiani alias Karl Esse

Commenti

Post popolari in questo blog

Uno dei sonetti più belli ...

          Come posso ritrovare la mia pace (Sonetto 28) di W. Shakespeare - Voce di Karl Esse


Amedeo Anelli " Contrapunctus VIII - Negli occhi di mia madre" Voce: Sergio Carlacchiani