Passa ai contenuti principali

LA LINGUA

Malinconica
sprezzante
euforica
trafigge
la gola
parola
insanguinata
non vola
s’aggruma
strozza
scheggiata
rinascerà
lingua
disinfettata
linda
mondata
all’istante
immantinente
mente
muta.

Karl Esse



LA LINGUA - Testo e voce di Karl Esse


Commenti

Post popolari in questo blog

Uno dei sonetti più belli ...

          Come posso ritrovare la mia pace (Sonetto 28) di W. Shakespeare - Voce di Karl Esse


Amedeo Anelli " Contrapunctus VIII - Negli occhi di mia madre" Voce: Sergio Carlacchiani