Passa ai contenuti principali


Canzonetta del chi sono io...

Sono complicato complesso orchestrato
A volte solista minimalista trombone
Ammiro la versione semplice di me
Quella in chiave di violino
Dalle prime luci del mattino son sveglio
La sera mi passa lenta diseguale
Son lunatico lunare
Amo tutta la notte ammirare le stelle
Quelle più luminose che come me non dormono mai
Lo sai chi sono io? Un artista
Un fuori di testa che insegue l'amore
Per la vita l'arte la cultura
Che non ha paura di vivere di quel tanto
Che agli altri sembra poco
Giuoco con le parole
Invento creazioni
Dono emozioni scrivendo
Dipingendo en plei air dal mio terrazzo
Sempro un pazzo scatenato quando declamo
Amo gli esseri umani
Amo gli animali
Tutto ciò che mi circonda
Amo il celeste del cielo
L'azzurro del mare
Amo stare su questa tribolata terra
Amo la pace e odio la guerra
Vorrei essere un uomo semplice complice del bene
Liberare dalle catene ogni oppresso
Che ci posso fare?
Sono un fesso al quale piace sognare
Navigare fondare costruire
Un futuro che non c'è
Che non c'è mai stato
Che non c'era prima
Forse è soltanto una questione di rima
Di anima di cuore di poesia...
Oh madre sorella 

Compagna amante
Vita mia!


Sergio Carlacchiani

La foto è opera di Gianfranco Mancini
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Amedeo Anelli " Contrapunctus VIII - Negli occhi di mia madre" Voce: Sergio Carlacchiani

Alda Merini  - UNA VOLTA SOGNAI  - Voce: Karl Esse



Alda Merini - UNA VOLTA SOGNAI
Una volta sognai di essere una tartaruga gigante con scheletro d'avorio che trascinava bimbi e piccini e alghe e rifiuti e fiori e tutti si aggrappavano a me, sulla mia scorza dura. Ero una tartaruga che barcollava sotto il peso dell'amore molto lenta a capire e svelta a benedire. Così, figli miei, una volta vi hanno buttato nell'acqua e voi vi siete aggrappati al mio guscio e io vi ho portati in salvo perché questa testuggine marina è la terra che vi salva dalla morte dell'acqua. Alda Merini  scrisse questa stupenda poesia alla vigilia dell'inaugurazione il 26 giugno 2008 della Porta d'Europa a Lampedusa e fu letta durante la cerimonia...La "Porta di Lampedusa  detta appunto Porta d'Europa"  è un monumento dedicato ai migranti che, affrontando interminabili avversità,giungono nell'isola siciliana alla ricerca di una nuova e più dignitosa esistenza... 

Leg…
LAMENTO DEL MERCANTE D'ARMI - STEFANO BENNI – Interprete : Sergio Carlacchiani