Passa ai contenuti principali



LA MIA VITA NON É MIA

La mia vita non è mia
ora che lo so non chiedo altro
che di viverla intensamente
anche quando riposo con la mente
alla prima fermata del treno
salgo sul primo battello
sull'aereo in partenza
e volo nel cielo della memoria
rivivo una storia come nuova
chissà quale incarnazione sono
se sono stato o sarò mai un poeta
un pittore un attore e forse un uomo
a volte credo di essere figlio d'un Dio
a volte solo dell'io vivo all'inferno
a volte in un eterno purgatorio
a sognare giorno e notte un paradiso che non c'è
a volte a chiedermi perché sono al mondo
qual'è il senso del mio essere su questa terra
so comunque d'essere vivo dentro una guerra
nelle illusioni che fioriscono ogni giorno
e che il tempo puntualmente incenerisce
la vita però continuamente
dona perdona guarisce
intenerisce il cuore
l'amore lo dilata
lo riempie di potenza e fragilità
la straordinaria varietà dell'esistenza
fa scorrere il tempo da milenni
e io ingiallito ancora qua
a scrivere parole con la penna
ad archiviare con le dita
a sorridere sparlando d'un folle mondo
che dice di voler morire ma non muore
che Dio lo conservi in vita.

Sergio Carlacchiani

LA MIA VITA NON É MIA - Testo e voce di Sergio Carlacchiani

Commenti

Post popolari in questo blog

Uno dei sonetti più belli ...

          Come posso ritrovare la mia pace (Sonetto 28) di W. Shakespeare - Voce di Karl Esse


Amedeo Anelli " Contrapunctus VIII - Negli occhi di mia madre" Voce: Sergio Carlacchiani