Passa ai contenuti principali

 
 IN PREDA ALLA CREAZIONE

 
Interpreto e scrivo

invasato come dipingo

è diventato un incallito vizio

sono in preda alla creazione

che s'appropria della mia anima

non c'è maestria in quel che faccio

è soltanto generosa umiltà

al suo servizio.


Karl Esse


La foto che ritrae Karl Esse è opera di Gianfranco Mancini
 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Uno dei sonetti più belli ...

          Come posso ritrovare la mia pace (Sonetto 28) di W. Shakespeare - Voce di Karl Esse


Amedeo Anelli " Contrapunctus VIII - Negli occhi di mia madre" Voce: Sergio Carlacchiani