Passa ai contenuti principali
Guardare una mia opera dovrebbe essere per lo spettatore che la guarda, come assistere ad una pièce teatrale senza parola, che ha come pre-testo l'infedeltà del testo che figura, per liberamente tradurre per sé, in emozioni, ciò che è stato espresso che non ha figura, ma immagine interrogante.

Il banco di prova è soltanto l'efficacia della maestria.

Karl Esse


Nella foto un'opera a carboncino eseguita da Sergio Carlacchiani alla fine degli anni 80.

Commenti

Post popolari in questo blog

Uno dei sonetti più belli ...

          Come posso ritrovare la mia pace (Sonetto 28) di W. Shakespeare - Voce di Karl Esse


BEI DAO - Tante lingue parlano - Voce di Karl Esse


Nato a Macerata nel 1959, Sergio Carlacchiani ( pseudonimi:Karl Esse - Sergio Pitti) è performer, attore, doppiatore, poeta e pittore. Direttore artistico di varie rassegne teatrali :Donna/Modello, Poeti e Poesie da Decl/Amare, Live Poetry, Vita Vita e Poesia in Vita. Si è occupato di poesia lineare, visiva, concreta, sonora, di mail art e performance art. Ha scritto diversi libri di poesia e creato libri/oggetto. Si è esibito come performer in Italia, Francia, Inghilterra Spagna e Austria. Si è formato in seguito, come attore, presso la scuola del Minimo Teatro di Macerata. Ha seguito diversi corsi di perfezionamento e specializzazione, tra i quali ricordiamo quelli con: Eugenio Barba, Franco Ruffini, Riccardo Cucciolla, Cora Herrendorf, Tony Cotz, Giuliano Scabia, Lucia Poli, Rebecca Murgi, Eugenio Sideri, Sergio Scarlatella. Ha conseguito il diploma di impostazione ed uso della voce e tecnica del doppiaggio cinematografico, sotto …
Omaggio a una delle poetesse che amo di più.